www.ilchiccodisenape.org

  • Aumenta dimensione caratteri
  • Dimensione caratteri predefinita
  • Diminuisci dimensione caratteri

I PRODUTTORI

E-mail Stampa PDF

Il primo anello della catena è formato dai lavoratori: è importante capire che, dietro ad ogni prodotto, c'è la storia di una comunità che ha lavorato per farlo arrivare nelle nostre mani.
I produttori si localizzano nei paesi del Sud del Mondo e sono prevalentemente, ma non necessarimente, organizzati in cooperative; la cooperativa è infatti il tipo di organizzazione che permette il coinvolgimento di un numero sempre più alto di piccoli produttori, garantendo al tempo stesso la possibilità di un controllo democratico su tutti i processi della produzione stessa.

La filiera produttiva del commercio equo non si arresta però soltanto a questo primo passo: molti dei prodotti necessitano infatti di un processo di trasformazione che non può essere svolto nei paesi del Sud (p. es. la torrefazione del caffè, la ttrasformazione del cacao in cioccolata ecc.);. Questi processi avvengono quindi in Italia, affidati ad aziende che devono però a loro vola garantire standard etici e ambientali di alto livello. Sempre più spesso questo genere di lavorazioni viene affidato a cooperative sociali e di reinserimento, la cui finalità sociale aggiunge valore a tutta la filiera del commercio equo.

 

 

Ultime notizie

25 anni del Chicco di Senape: 19/11 pranzo di autofinanziamento

Carissimi e Carissime,

quest'anno il Chicco di Senape compie 25 anni e vogliamo festeggiare tutti insieme questo traguardo

Leggi tutto...
 
Orari pasquali

Care socie e cari soci, vi ricordiamo che per la settimana di Pasqua

Leggi tutto...
 
Cena vegana equosolidale e biologica

Nell'ambito del progetto "Solidale Italiano" promosso da CTM, si è svolta ieri una cena vegana

Leggi tutto...
 
Newsletter 29 marzo 2017

A questo link potete vedere le notizie della newsletter del 29 Marzo 2017.

In sintesi:

Leggi tutto...
 
Newsletter del 24 febbraio 2017

A questo link potete vedere le notizie della newsletter del 24 Febbraio 2017.

In sintesi:

Leggi tutto...